Regione Lombardia: contributi e-commerce ed export

14/03/2017

Il bando intende sostenere le PMI lombarde con contributi per e-commerce e piani finanziari per l'export.

Obiettivo è supportare le imprese nell'individuazione degli strumenti finanziari e creditizi più consoni alle strategie di export e favorire l’accesso ai canali e-commerce, per diversificare ed ampliare le opportunità di vendita sui mercati esteri.

Il bando sarà aperto nelle prossime settimane. 

BENEFICIARI


Imprese, consorzi e/o aggregazioni di imprese che, al momento della presentazione della domanda e sino alla data di erogazione del contributo, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere micro, piccola o media impresa con riferimento all’allegato I del Reg. UE n. 651/20141;

  • avere sede legale e/o sede operativa in una provincia lombarda;

  • essere iscritte e attive al Registro imprese;

  • essere in regola con il pagamento del Diritto Camerale Annuale;

  • appartenere a uno dei seguenti settori: manifatturiero, costruzioni o servizi alle imprese (il codice ATECO 2007 primario relativo alla sede oggetto dell’intervento deve rientrare tra i seguenti: sezione C, sezione F, J62, J63, K64, K65, K66, M69, M70, M71, M72, M73, M74);  


PROGETTI AMMISSIBILI


L’obiettivo dell’intervento è supportare le imprese a:

  • definire e attuare un piano finanziario a sostegno e consolidamento dell’attività di export;

  • approfondire la conoscenza del mercato e-commerce e dotarsi degli strumenti necessari per poter cogliere questa nuova opportunità;

  • individuare piattaforme e-commerce efficacemente posizionate nei rispettivi ambiti di mercato e coerenti con il profilo dell’azienda;

  • predisporre una comunicazione pensata appositamente per il canale e-commerce, che sappia porre in evidenza i caratteri distintivi della storia e dei prodotti / servizi dell’azienda;

  • attuare una strategia di web marketing mirata al conseguimento di obiettivi precisi;

  • gestire le specifiche esigenze e soluzioni di logistica e di packaging.


Sono previste le seguenti tipologie di intervento:


Linea A)


redazione e attuazione del Piano finanziario aziendale per l’export, che i soggetti beneficiari dovranno predisporre e attuare con l’assistenza di un EBM (export business manager) selezionato tra i soggetti ammessi nell’apposito elenco regionale di cui al d.d.u.o. n. 6231 dell’1 luglio 2016, con l’obiettivo di individuare gli strumenti finanziari e assicurativi più adeguati a sostenere le proprie strategie di vendita all’estero;



Linea B)


individuazione di piattaforme e-marketplace specializzate nella vendita al consumatore finale (B2C) sulla base del profilo aziendale e degli specifici obiettivi di export, nonché acquisizione di strumenti e servizi per avviare o qualificare l’attività di vendita sui canali e-commerce B2C.



SPESE AMMISSIBILI


Sono ammesse a contributo per la Linea di intervento A le seguenti voci di spesa:



  • consulenza per la definizione di un piano finanziario per l’export che preveda l’analisi e la ricerca delle fonti di finanziamento per l’attuazione della strategia di export dell’impresa;

  • attuazione del piano finanziario per l’export, che potrà comprendere attività di:

    • valutazione preventiva e monitoraggio costante dell’affidabilità dei clienti esteri;

    • contrattualistica internazionale;

    • credit management per la valutazione dei crediti commerciali.




Sono ammesse a contributo per la Linea di intervento B le seguenti voci di spesa:



  • analisi delle esigenze di logistica e magazzino, di gestione delle procedure gestionali di raccolta degli ordini, di fatturazione e di packaging per ottimizzare l’avvio dell’export sul canale e-commerce, nonché di acquisizione dei necessari servizi e dotazioni strumentali;

  • predisposizione del portfolio prodotti, web design, creazione vetrina e schede prodotti, realizzazione gallery fotografiche, predisposizione testi in lingua per i diversi mercati target, produzione di filmati di approfondimento sui prodotti, webinar, ecc.;

  • azioni di promozione, protezione e registrazione dei marchi che si intendono commercializzare sul canale web;

  • azioni e servizi per sostenere il posizionamento dell’offerta sulle piattaforme e- commerce prescelte;

  • fee di accesso a piattaforme e-commerce (fino a un massimo del 50% del totale delle spese presentate in domanda);

  • attività di formazione inerente alla tematica e-commerce (fino a un massimo del 30% del totale delle spese presentate in domanda).


AGEVOLAZIONE PREVISTA


L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto a parziale copertura delle spese sostenute (al netto di IVA) per la realizzazione degli interventi:

Linea A) – Piano finanziario per l’export , contributo a fondo perduto (max. 5.000 euro) sul 50% delle spese ammesse.

Linea B) – E-commerce per l’export, contributo a fondo perduto (max. 6.000 euro) sul 50% delle spese ammesse.

SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE


Il bando è di prossima apertura.

Per maggiori informazioni Contattaci

Tag:  e-commerce export export manager promozione web marketing

Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Siglacom - Internet Partner
Upgate