Promozione dell'export e partecipazione a fiere

21/04/2017

Contributi a fondo perduto da Regione Emilia Romagna, per la realizzazione di un piano di export e per la partecipazione a fiere internazionali.

BENEFICIARI


Tipologia A - Azioni per imprese non esportatrici o esportatrici non abituali



  • le imprese di micro, piccola e media dimensione non esportatrici o esportatrici non abituali, aventi sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna;

  • le reti formali di imprese di micro, piccola e media dimensione, tutte non esportatrici o esportatrici non abituali, aventi tutte sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna.


Le imprese, singole o appartenenti a una rete, devono inoltre avere un fatturato minimo di 700.000 €

Tipologia B - Partecipazione a fiere all’estero:



  • le imprese di piccola e media dimensione aventi sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna;

  • le reti formali di imprese di micro, piccola e media dimensione, aventi tutte sede o unità operativa in Regione Emilia-Romagna.


PROGETTI E SPESE AMMISSIBILI


Ogni impresa può presentare domanda solo per una delle due tipologie di progetto.

A. Azioni per imprese non esportatrici o esportatrici non abituali.


Progetti realizzati da piccole e medie imprese non esportatrici o esportatrici non abituali, finalizzati a realizzare un percorso strutturato, nell’arco di massimo due annualità, costruito a partire da un piano export, su un massimo di due paesi esteri scelti dall’impresa.

Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività:



  • Servizi di consulenza prestati da consulenti esterni: cioè servizi prestati da consulenti finalizzati a:

    • Valutare e sviluppare le capacità e potenzialità dell’impresa per affrontare un percorso di internazionalizzazione, anche predisponendo un piano export;

    • Valutare la fattibilità di azioni di internazionalizzazione su determinati mercati, inclusi gli studi di settore;

    • Contribuire alla realizzazione di un percorso di internazionalizzazione, e a rafforzare l’organizzazione dell’impresa;

    • Ricercare potenziali clienti o distributori in particolare sui mercati esteri e assistere l’impresa nella realizzazione di incontri d’affari;

    • Sviluppare un sito internet aziendale in lingua estera e pubblicizzarlo tramite internet.



  • Temporary export manager (TEM): cioè servizi prestati da consulenti finalizzati a pianificare e/o gestire successivamente il percorso di internazionalizzazione oggetto del progetto presentato dall’impresa al presente bando e a favorire l’accrescimento delle capacità manageriali dell’impresa nel settore dell’internazionalizzazione;

  • Certificazioni per l’export: cioè le consulenze esterne finalizzate a ottenere le certificazioni di prodotto o aziendali necessarie all’esportazione sui mercati internazionali indicati dal progetto o individuati nel corso del suo svolgimento;

  • Partecipazione come espositori ad un massimo di 2 fiere con qualifica internazionale o nazionale svolte all’estero.


Il costo del progetto dovrà essere di minimo 50.000,00 Euro.

B. Partecipazione a fiere internazionali.


Progetti realizzati da piccole e medie imprese, anche già esportatrici, per la partecipazione a un programma costituito da almeno 3 fiere svolte in paesi esteri.

Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività:



  • Partecipazione come espositori ad almeno 3 fiere all’estero  con qualifica internazionale o nazionale, oppure l’organizzazione di un proprio evento promozionale all’estero.

  • Servizi di consulenza prestati da consulenti esterni: cioè servizi prestati da consulenti finalizzati a:

    • Ottenere certificazioni per l’export;

    • Ottenere la registrazione del proprio o dei propri marchi sui mercati internazionali indicati dal progetto;

    • Ricercare potenziali clienti o distributori e assistere l’impresa nella realizzazione di incontri d’affari contestualmente alle partecipazioni fieristiche;

    • Organizzare eventi promozionali all’estero




Il costo del progetto dovrà essere di minimo 20.000,00 Euro.

 

CONTRIBUTO


TIPOLOGIA A: Il contributo regionale sarà concesso a fondo perduto nella misura massima del 40% delle spese ammissibili.
Il contributo regionale non potrà comunque superare il valore di Euro 100.000,00.

TIPOLOGIA B: Il contributo regionale sarà concesso a fondo perduto nella misura massima del 30% delle spese ammissibili.
Il contributo regionale non potrà comunque superare il valore di Euro 30.000,00.

SCADENZA


Il bando aprirà i termini di presentazione delle domande in due diverse chiamate:

  • la prima dal 15 maggio al 15 giugno 2017 con disponibilità del 50% delle risorse sopra riportate;

  • la seconda dal 11 settembre all’11 ottobre 2017 con disponibilità del restante 50% delle risorse.

Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner
Upgate